Ultime notizie:

Una legge per le ferrovie turistiche

Oggi approviamo in prima lettura la proposta di legge, a prima firma Iacono e che ho sottoscritto, che detta disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico. Un lungo iter in Commissione Trasporti che ha ascoltato tanti soggetti interessati: dalle Regioni ai Ministeri del turismo e dei trasporti, da Ferrovie alla Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, dalla Confederazione della mobilità dolce alla Federazione Italiana Ferrovie Turistiche, dal Comitato per la riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia-Capranica-Orte alla Associazione In Loco Motivi.

253
Nel testo ci si riferisce a tratte ferroviarie dove è stato sospeso il servizio di trasporto ordinario, molte a scartamento ridotto, spesso non elettrificate, il più delle volte a binario unico, sulle quali i treni si muovono ad una velocità di 30-50 km/ora.
Si tratta nel complesso, di circa 1300 km di linee ferroviarie che attraversano località di rara bellezza paesaggistica o interessate da emergenze storiche e archeologiche di rilievo e che, in ogni caso, permettono ai passeggeri di visitare l’Italia delle aree interne e dei piccoli centri situati al di fuori delle direttrici canoniche del turismo. I dati forniti da Ferrovie dello Stato relativi al turismo ferroviario del 2015, ci dicono che a quanto già sviluppato in questo settore – nel 2015 sono stati organizzati 166 viaggi turistici con 45.000 viaggiatori in tredici Regioni – si può affiancare lo sviluppo di una mobilità c.d. dolce anche in altre aree che ne presentano le potenzialità.

Ferrovia Civitavecchia Orte Ponte di ronciglione
Nel centro Italia la ferrovia della Val d’Orcia permette ormai da diversi anni di visitare quel territorio in modo alternativo e perfettamente integrato con il paesaggio che è possibile apprezzare nelle sue molteplici sfaccettature.
Con un emendamento approvato in aula, a prima firma Meta, è stato recuperato il primo elenco di tratte ferroviarie che presentano caratteristiche compatibili con l’applicazione della legge: vi rientra anche la tratta Civitavecchia-Orte-Capranica che è auspicabile possa tornare ad essere fruita in un prossimo, vicino futuro.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


6 Condivisioni
Condividi6
+1
Tweet
Condividi